La galleria offre la possibilità di conoscere il perimetro complessivo della personalità eclettica di Maria Grazia Emiliani, documentandone diversi momenti di studio e di ricerca, illuminandone le riflessioni teoriche e gli stati emozionali che evidenziano il rigore del silenzio, in cui lo spazio diventa sentiero sognante del presente e del passato, specchio intermittente dell'interiorità.

Nelle sue tecniche pittoriche emerge un talento naturale non soggetto a condizionamenti di tendenze ma espressione pura, che sgorga come fluido magico sulle passive superfici che lei anima spinta dalla ispirazione della mente e del cuore, con esiti romantico- veristici per lo più riferiti a paesaggi, scorci di paese e nudi.

I suoi ultimi paesaggi indagano oltre il limite del visibile trovando varia e mutevole fonte di ispirazione negli orizzonti campestri, mettendone in evidenza la luce prospettica che sfuma nel sublime; sublimi e profonde come sono anche le sue composizioni poetiche, patrimonio della sua spiccata sensibilità artistica.

Marina Paolucci Montanari